Corso di Propedeutica Musicale

Programma di propedeutica musicale rivolto ai bambini della scuola dell’infanzia e Primaria

Il complesso mondo dei suoni ha sempre avuto un ruolo di primo piano nella vita del fanciullo e in particolare nel processo conoscitivo.

Quando si parla  di produzione sonora per i bambini, si sottolinea che la “Voce” e “tutto il corpo” sono gli strumenti più naturali e immediati che gli uomini hanno a disposizione per produrre suoni:  “la voce che parla”,  “i giochi con la voce”,  “i giochi individuali e di gruppo, con la voce che canta”;  i canti collegati alla gestualità, al ritmo, al movimento di tutto il corpo e di parti di esso, ai diversi suoni che il corpo può produrre (battere le mani, i piedi ecc…)

Tra le indicazioni didattiche si afferma: “è importante raccordare l’attività musicale ad altre esperienze conoscitive ed espressive, favorendo al massimo i processi creativi.

Perciò si debbono curare, ove possibile, i collegamenti con le altre aree educative ( lingua, espressione ed analisi visuale, educazione motoria ecc).

  • Programma di propedeutica musicale rivolto ai bambini della scuola dell’infanzia e Primaria

    Il complesso mondo dei suoni ha sempre avuto un ruolo di primo piano nella vita del fanciullo e in particolare nel processo conoscitivo.

    Quando si parla  di produzione sonora per i bambini, si sottolinea che la “Voce” e “tutto il corpo” sono gli strumenti più naturali e immediati che gli uomini hanno a disposizione per produrre suoni:  “la voce che parla”,  “i giochi con la voce”,  “i giochi individuali e di gruppo, con la voce che canta”;  i canti collegati alla gestualità, al ritmo, al movimento di tutto il corpo e di parti di esso, ai diversi suoni che il corpo può produrre (battere le mani, i piedi ecc…)

    Tra le indicazioni didattiche si afferma: “è importante raccordare l’attività musicale ad altre esperienze conoscitive ed espressive, favorendo al massimo i processi creativi.

    Perciò si debbono curare, ove possibile, i collegamenti con le altre aree educative ( lingua, espressione ed analisi visuale, educazione motoria ecc).

    Obbiettivi:   

    Discriminazione di situazioni acustiche, rappresentazioni grafiche, esecuzioni con la  voce,

    il corpo e la percussione corporea-timbrica e strumenti musicali.

    Tecnica del flauto dolce, respirazione diaframmatica, esecuzione di semplici melodie.

    Sviluppo della percezione timbrica, sviluppo dell’attenzione visiva e uditiva, capacità di percepire contrasti e sfumature, es; piano e forte, lungo e breve, grave e acuto, ecc.

    • Presentazione  e tecniche dello  strumentario  Orff. (xilofoni,metallofoni,percussioni,ecc)
    • I parametri del suono: altezza, intensità ,durata, timbro.
    • Esercitazione e giochi di animazione musicale, basati sui parametri del suono.
    • Il ritmo, le cellule ritmiche;  il metodo delle cellule ritmiche utilizza le  parole scomponendo le sillabe ed individuandone l’accento o il battito forte.
    • Avvio al flauto dolce e alla musica d’insieme Orff per le classi della scuola Primaria che hanno frequentato il corso nell’anno precedente.

    Il metodo si è rilevato molto utile e semplice da utilizzare sia per il coordinamento motorio che per l’introduzione alla scrittura ed alla lettura.

    Attraverso i giochi di propedeutica verranno acquisiti i concetti essenziali delle caratteristiche del suono, rendendo  il gruppo armonico poiché esso tocca e coinvolge diverse parti: il corpo e il movimento, le emozioni, la mente con le sue idee ed associazioni, i sensi con le loro percezioni.

    • Esigenze:
    • spazio libero da sedie e banchi.
    • Strumentario Orff.
    • 10/20 incontri di un’ora. .
    • Insegnante: Antonio Testa
    • antoniotesta@hotmail.com